Per me resta un mistero come sia stato possibile anche l’anno scorso non riaprire almeno un po’ a giugno e anticipare la riapertura a settembre. Certo ci sono le esigenze del turismo, la stagione estiva …. Nonostante le mini zone rosse e i piccoli lockdown locali sembra che da domenica tutta l’Umbria andrà in zona rossa, la Toscana in zona arancione, con alcune chiusure locali. Venerdì (il fiero Conte?) varerà un decreto per prorogare il blocco degli spostamenti tra Regioni. Noi come i tedeschi cominciamo ad essere spaventati dalle varianti più aggressive che abbiamo cominciato a ricercare e trovare.

Con lo scarico costante di questa aria calda, si viene a creare una leggera sottopressione, che si compensa a causa dell’aria calda proveniente dall’esterno e gli ambienti limitrofi. L’effetto positivo è che l’ambiente in questo modo riceve costantemente aria fresca . Ma così va perso il 20 fino al 30 % di energia, a causa dell’aria esterna aspirata e calda. Ma questo svantaggio energetico, nella maggior parte dei casi, è negativo solo a prima vista. Perché se si intrattengono delle persone nell’ambiente, serve anche l’ossigeno che a causa del dispositivo split nel funzionamento ad aria riciclata non giunge nell’ambiente. I dispositivi monobloc con tecnica a un tubo sono forti soprattutto a causa della vantaggiosa combinazione tra il potente raffreddamento, costante apporto di aria fresca e l’utilizzo semplicissimo.

Nel bel paese del resto autorevoli politici, senza scrupolo e pietà neanche per gli avversarti appena morti, vanno con la scorta a protestare perché i loro parenti non sono stati chiamati abbastanza celermente per il vaccino. Questa mattina mentre oziavo nel letto, ci ho messo un po’ a capire che era tardi il cambio d’ora mi ha un http://realstatemedia.com/index/2021/12/22/gratorama-gratta-e-vinci-7-euro-gratis/ po’ scombussolato, ho sentito un tonfo e un botto. Ettore era caduto, ho allungato le me mie orecchie per capire se era cosa grave. Quando ho sentito questo surreale dialogo ho sorriso e capito che potevo stare tranquillo. Detto questo è la seconda Pasqua così e nel bene e nel male tutti speriamo che sia l’ultima.

I bambini non potevano uscire neanche per un modesto giro del palazzo, almeno fino alla circolare Crimi, ma i nostri “figli pelosi” sì. Per questo loro privilegio qualcuno di noi prova ancora un filo di risentimento. Giuliano oggi è andato a scuola a Campo dei Fiori, per la precisione al cinema Farnese. La sua “scuola diffusa” per un po’ prevede questo tutti i giovedì mattina per fare un laboratorio credo proprio sul cinema, mi farò raccontare. Quanto è bello il Mercato al mattino, Giordano Bruno sembra quasi allegro, come dimentico del rogo. Mi aspettavo di vedere Fabrizi e la Magnani uscire da un momento all’altro.

In realtà non lo so perché e forse non lo voglio sapere. Per intanto torniamo in bici dopo aver accompagnato Giuliano a scuola di scacchi. Passiamo davanti a Palazzo Chigi e vediamo garrire dal balcone, oltre alle consuete bandiere europea e italiana, la bandiera Spagnola. Bella, nuova, e allegra con le sue bande rosse e gialle. Le macchine dell’ospite, Pedro Sanchez, e della sua delegazione, ora stazionano fuori dal Palazzo in piazza Colonna e credo non entrino più nel cortile come si usava un tempo.

  • I Draghi si sa se vedono un tesoro tendono ad impossessarsene e a vegliarlo più che possono.
  • A casa nostra a Trastevere ieri sera abbiamo visto l’insegna del Troisi restaurata è una statua di una prosperosa donna con l’aspirapolvere in mano che linkava con un QR code a un sito femminista.
  • Uno dei pochi punti di forza del lavoro – realizzato tra New York, Londra, Los Angeles e Dublino – è senz’altro la produzione.
  • Tutti questi kit sono riferiti ad AP da 165mm, le casse della Megane come sappiamo sono da 130mm e purtroppo automaticamente c’e’ una perdita di bassi dato che le 130mm sono considerate mid-woofer e non woofer come le 165mm.

A dire il vero, da tempo la band vorrebbe lavorare a qualcosa per cui sia possibile dare a Eno il timone, coinvolgendolo non solo come produttore ma come parte integrante del processo compositivo; e questa potrebbe essere l’occasione buona. Le nuove session, infatti, presentano fin da subito equilibri diversi. Cambiano le gerarchie, Eno è il comandante e loro i “mozzi”. Il problema, però, è che, almeno nelle fasi iniziali, i quattro non sembrano prendere troppo sul serio l’impegno, intendendo in modo forse troppo estensivo il concetto di lavorare in un clima rilassato. La cosa fa imbestialire l’ex Roxy Music, che minaccia di andarsene; la band allora capisce che tira una brutta aria e si rimette in riga.

Molto dipenderà dall’andamento della pandemia e dai casi di variante indiana che verranno trovati. La variante indiana ora sembra spaventare come quella inglese qualche mese fa. I capi delle nazioni oggi si sono riuniti per parlare della pandemia e tra le cose che sono fatti dire dagli esperti purtroppo c’è la possibilità che il covid diventi endemico. Il posto ha un aspetto per certi versi post apocalittico le rovine della SNIA dominano in modo piuttosto inquietante il panorama e onestamente mi ha dato una sensazione di decadenza e desuetudine che non mi è piaciuta moltissimo.

Il bevitore di mojto nel frattempo si è scoperto una vena solidale e vuole andare a passare il Natale con i barboni, anzi lui credo li chiami alla francese clochard. Dopo la levata di scudi dei sindacati, degli insegnanti e qui a Roma anche di quasi tutti i licei con accesso alla redazione del Manifesto, l’apertura è stata rimandata e ogni regione ha una sua data diversa. Unico liceo un po’ fuori dal coro il Mamiani, che a cose fatte manda una lettera sempre al Manifesto in cui sembra protestare per la mancata apertura cui i docenti dicono la scuola era pronta, nonostante il ministero, anche grazie al lavoro della preside. Il punto è che se quasi tutti gli insegnanti dei licei di Roma non vogliono tornare in presenza una qualche ragione ci dovrà essere.

I presidi chiedono di passare celermente ad una scuola per metà on line. Di fatto già 130 scuole, visitate più o meno frequentemente dal covid nostro, hanno dovuto passar alle lezioni a distanza. Piove, leggo che a Venezia viene giù il mondo ma il MOSE funziona.